Browse Author by admin
Fai da Te

Come Dipingere il Muretto di un Giardino

Per dipingere il muretto di un giardino prima dovete pulire. Per pulire il muro, usate una spazzola dura di nylon, invece di una spazzola di metallo. Se usaste quest’ultima, delle particelle di mettallo potrebbero penetrare nel muro, con il rischio di arrugginire in seguito provocando sgradevoli macchie.

Eliminate tutte le parti che si staccano con una spatola da pittore. Potete raschiare le efflorescenze bianche (di sali) con una spazzola dura. Eliminate il muschio eventualmente presente con uno specifico prodotto antimuschio o con acqua addizionata di candeggina (1 parte di candeggina ogni 5 parti di acqua).

Dopo aver lasciato agire il prodotto per almeno 48 ore, spazzolate il muro per eliminarne tutti gli eventuali residui di sporcizia. Se il muretto è già stato dipinto, eliminate gli strati di vernice che si squamano con una spatola da pittore o una spazzola dura di nylon. Potete anche usare un’idropulitrice a pressione, ma in questo caso dovrete avere la pazienza di aspettare alcune settimane, sino a quando il muro sarà perfettamente asciutto, prima di applicare la pittura.

Stuccate le eventuali fessure con del mastice di silicone che può essere dipinto. Se la vecchia pittura è polverosa, cosa che potete controllare facilmente, passando la mano di piatto sul muro; è consigliabile applicare un fissatore. La giunzioni in cattivo stato devono essere svuotate sino a una profondità di’ 1,5/2 cm e riparate. Aspettate poi da 6 a 8 settimane, affinché le giunzioni siano perfettamente asciutte, prima di dipingere.

Dipingete il muro a strisce orizzontali, cominciando dall’alto, con una pennellessa o un rullo a pelo lungo. Lavorate in tre movimenti: dipingete prima una W in senso verticale, ripassate poi in senso perpendicolare e infine applicate una mano leggera in senso verticale. Stendete prima una mano di fondo (primer), a meno che il muro non sia già stato dipinto. Finite con una o due mani di finitura, a seconda dell’effetto coprente della pittura. Rispettate i tempi di essiccazione tra una mano e l’altra indicati sulla confezione.

Fai da Te

Come Pulire le Testine di un Rasoio Elettrico

Ci sono due metodi per radersi, con le lamette, relativamente a cui è possibile vedere questa guida su Barbaperfetta.net, o con un rasoio elettrico, io ho scelto la seconda soluzione perchè è per me la più pratica, ma ogni tanto bisogna effettuare una piccola manutenzione al rasoio per mantenere buono il suo funzionamento, ecco come fare in questa piccola guida.

Quando il rasoio elettrico non rade più a fondo significa che qualcosa non va, sono le testine che hanno bisogno di una pulizia interna, se non sono troppo usurate potrai quindi evitare di comprarne delle nuove che tra l’altro costano abbastanza… quindi per prima cosa dovrai smontare la “testa” del rasoio.

Prendendo in mano il pezzo che hai smontato noterai che nel rasoio Philips c’è una rotellina che va girata e facendo questo libererai il blocco delle testine; memorizza la posizione dei vari componenti così al momento di rimontarli non farai errori, poi sfila le tre testine e dentro di loro troverai le lame, tirale fuori e noterai il tanto sporco presente.

Con un pennellino, che a volte è in dotazione, potrai pulirle bene e renderle di nuovo efficienti, non usare acqua o nessun altro liquido, utilizza solo il pennellino e dedicagli tutto il tempo necessario, quando avrai finito con le testine e le lame pulisci anche la struttura che le accoglie, una volta completata la fase di pulizia potrai rimontare il tutto.

Fai però attenzione a non montare le lame al contrario e alla fine gira ancora la rotellina nel verso opposto rispetto prima, in questo modo fisserai il blocco delle testine. Ora accendi il rasoio e controlla che tutto sia a posto, poi potrai usarlo come sempre ma noterai che taglierà decisamente molto meglio.

Fai da Te

Come Dipingere Muri di Casa

Sei stanco di vedere i muri della tua stanza rovinati dai segni del tempo? La casa ti sembra continuamente sporca perché il colore dei muri diventa sempre più grigio? Beh allora cosa aspetti? Non ti resta che imbiancare nuovamente. Se non è il momento adatto di spendere tanti soldi non disperarti perché puoi farlo benissimo da solo e con risultati soddisfacenti.

La prima cosa che devi fare è quella di recarti in un negozio che abbia tutto ciò che ti serve; quindi, compra dei teli grandi per coprire i mobili, scotch, carta vetrata, stucco, pennello e rullo con vaschetta. Altre cose che potrebbero servirti puoi trovarle a casa; procurati anche giornali, stracci, una scopa e una scala.

Adesso che hai il materiale, puoi iniziare a preparare il tutto. Disponi al centro della stanza i mobili e e coprili con un telo. Copri con giornali anche il pavimento, eventuali interruttori, porte e finestre, fissando tutto con lo scotch per evitare che possano spostarsi e, quindi, scoprire la parte che deve essere protetta per non essere sporcata.

Pulisci i muri con la scopa e lo strofinaccio per togliere polvere e sporcizia e, se sono particolarmente rovinati, raschiali con la carta vetrata in modo da farli diventare uniformemente lisci. Poi, prepara il colore che hai scelto; quindi, seguendo le istruzioni che troverai sul barattolo, diluisci la pittura. Inizia dal soffitto usando il rullo ben strizzato e il pennello per le parti da rifinire. Dopo aver passato il colore ovunque, aspetta che si asciughi.

Ripassa il colore un’altra volta non appena quello che hai passato prima sia del tutto asciutto ed elimina con la carta vetrata o col solvente le sbavature o le gocce rimaste. Poi, scopri i mobili e risistema il tutto pulendo il pavimento in caso di gocce passate tra i giornali. Come vedi, con pochi soldi (rispetto a quelli che avresti dato al pittore) hai ridipinto i muri e adesso la tua casa appare nuovamente fresca e pulita.

Fai da Te

Come Dipingere il Cielo nella Stanza dei Bambini

Devi assolutamente sapere, che nel dipingere le pareti della propria casa, bisogna prestare particolare attenzione ai colori scelti soprattutto per quanto riguarda la camera dei bambini. In questa guida, ti darò dei validi consigli per poter dipingere il cielo stellato nella stanza dei bambini. Vedrai che bell’effetto, provare per credere!

Per riuscire in questa impresa, la prima cosa che dovrai fare, è quella di decidere se vuoi realizzare un lavoro “completo”, interessando anche le pareti della stanza, o se vuoi limitare al solo soffitto. A questo punto, dovrai acquistare la tinta, in questo caso ti consiglio di scegliere un colore già pronto per l’uso.

Detto questo, la prima cosa che dovrai fare, è quella di stendere una mano di colore su tutta la superficie, in modo da ottenere una tinta uniforme. Se il lavoro è limitato al solo soffitto, proteggi i punti di incontro con le pareti utilizzando del nastro carta. Lascia poi asciugare per almeno 12 ore e, se necessario, ripeti l’operazione.

A questo punto, dovrai creare le stelle, devi sapere che in commercio esistono degli adesivi già pronti da incollare, ma ti consiglio di dipingere direttamente gli astri sul soffitto o sulle pareti. Per far questo, dovrai procurarti degli stencil a forma di stella e successivamente li dovrai applicare al soffitto, colorandoli poi di bianco o di giallo brillante all’interno. Stacca delicatamente gli stencil e ripeti l’operazione su tutta la superficie, prestando attenzione alla distanza tra una stella e l’altra.

Fai da Te

Come Dipingere Porta del Garage

Con coraggio e un paio di barattoli di vernice potete rendere allegra e spiritosa anche la più grigia e anonima porta di garage. Se la porta andava comunque riverniciata è una buona occasione per lavorare di fantasia. Ecco, allora, alcuni suggerimenti utili per trasformare la vostra porta del garage in un bel murales.

Occorrente
Trapano con levigatrice orbitale
Solvente
Stucco per legno (porte in legno)
Stucco per auto (porte metalliche)
Fondo opaco
Giornali
Nastro adesivo crespato
Pennello
Bombolette spray o barattoli di vernice
Pennello punta sottile

Le porte di garage che considereremo ora, sono nettamente diverse tra loro, ma tipiche nel loro genere. Una porta è in legno formata da due battenti che si aprono lateralmente e la cui verniciatura è molto rovinata dalle intemperie. L’altra porta è metallica a saracinesca, normalmente usata in molte costruzioni, ed è in buone condizioni.
La porta di legno richiede carteggiatura, stuccatura e una mano di fondo. La vecchia pittura va rimossa a fondo con la levigatrice orbitale applicata al trapano o, se necessario, con un solvente, fino a far riapparire il legno. Le residue irregolarità della superficie vanno accuratamente pareggiate con uno stucco per legno. Sulla porta metallica è necessario adoperare lo stucco per auto.

Dopo questo lavoro preliminare si spruzza una mano di fondo opaco, creando una base liscia sulla quale poter stendere senza difficoltà la vernice in modo uniforme.
Dopo questo trattamento preliminare si può procedere come per la porta metallica. Nella scelta del soggetto da dipingere è preferibile attenersi a grandi motivi. In questo modo sono sufficienti pochi colori di base. Quelli per le sfumature si preparano al momento, miscelando i colori a disposizione.

A chi intende ingrandire un disegno più complicato consiglio il sistema del reticolo quadrettato, dove 1 cm2 del disegno corrisponde a 10 cm2 dell’originale. I contorni del motivo scelto si riportano sulla superficie quadrettata con un pennellino. Non bisogna mai dimenticare che vi sono vernici i cui solventi mangiano determinati sottofondi,quindi scegliete tinte adatte al legno o al ferro.

Prima di tutto va spruzzato il colore sulla superficie di maggiori dimensioni. Potete usare le bombolette spray oppure le vernici in barattolo adoperando il pennello. Con nastro adesivo crespato e i giornali coprite le parti da pitturare con diverso colore, ma occorre togliere i giornali prima che la vernice si asciughi completamente. Passate ora al secondo motivo in ordine di grandezza, coprendo sempre con i giornali la parte già dipinta.

Si prosegue, quindi, coprendo le parti che di volta in volta non vanno dipinte, fino a quando si arriva ai particolari che si dipingeranno con il pennello. Se si vogliono dipingere più porte, organizzatevi in modo da dipingere insieme tutti i soggetti del medesimo colore, per passare poi ai successivi. Alla fine del lavoro si ricorre ad un pennello sottile esi dipingono a mano i dettagli, ripassandone i contorni. Sempre con il pennello si può rimediare alle imperfezioni e alle immancabili sbavature.