Browse Category by Casa
Casa

Come Attaccare un Bottone

Quando si attacca un bottone devi avere qualche accorgimento che ti permetta di cucirlo saldamente e di non ritrovartelo staccato dopo poche ore.

Per prima cosa devi togliere ogni residuo di filo che eventualmente è rimasto sul posto dov’era attaccato prima.
Poi devi trovare il filo giusto, sia per colore che per robustezza.
Non stare a risparmiare sul filo.
Un filo che costa poco è un filo che si spezza facilmente e alla fine non è affatto un risparmio.

Dopo avere infilato l’ ago nel filo, puntalo nella stoffa e fai due o tre passaggi fuori e dentro per fissarlo saldamente.
Se temi che la cucitura non tenga puoi anche fare una specie di cappio col filo passandoci dentro l’ago che stringendosi farò un nodo.
Così, come puoi vedere dalla foto.

Ora puoi infilare il tuo bottone dal primo buco e far passare l’ ago nella stoffa.
Fuoriesci dal di sopra ed entra nel secondo buco.
Continua così per più volte e ogni tanto fai un cappio come quello fatto all’ inizio.
Più volte passi nei buchi, più saldo sarà il bottone.
Per fare un pò di “gambo” al bottone è sufficiente lasciare il filo morbido quando passa dentro ai buchi e fare qualche giro morto sotto al bottone.
Spero di essere stata sufficientemente chiara e di averti insegnato come attaccare saldamente un bottone.

Casa

Come Aprire Lucchetto a Combinazione

Vi è mai capitato di perdere la combinazione del vostro lucchetto a combinazione e non sapere come aprirlo? Ora potete! Con un metodo molto semplice e alla portata di tutti. Basta solo fare attenzione a delle piccole cavità in prossimità delle rondelle ed il gioco è fatto!

Prendere un lucchetto a combinazione che trovate in un qualsiasi negozio ferramenta.
Mettete una qualsiasi combinazione senza vederla, poi chiudetelo e girate le rondelline del lucchetto.
Per le prime volte data la non praticità vi consiglio di guardare la combinazione in modo da non dover poi buttare il lucchetto.

Iniziate girando accuratamente e singolarmente le rondelle del vostro lucchetto.
Guardando immediatamente sopra sopra ciascun numero della rondella, è possibile notare, solo al di sopra di uno di questi, una piccola cavità (cuscinetto a sfera) che corrisponde al numero esatto.
Ma sfortunatamente non avete ancora terminato il lavoro.

L’ultimo passo per aprire il vostro lucchetto è di girare il cuscinettto a sfera (muovendo la rondella) sul binario del lucchetto.
Il binario del lucchetto altro non è che il prolungamento del ramo più lungo della U rovesciata.
la visione del video allegato vi mostrerà praticamente come fare.

Casa

Come Aprire un Barattolo Bloccato

A chi non è mai capitato di essere alle prese con un barattolo che si ostina a non volersi fare aprire? Come avete ovviato a questa situazione? Tra le varie soluzioni sicuramente avrete optato a chiedere aiuto alla persona più forte in famiglia, ma spesso (nulla da togliere alla forza di quell’individuo) neanche questo è bastato. Ecco di seguito qualche consiglio.

Quando i barattoli non vogliono aprirsi, ovvero il coperchio non si lascia svitare dal barattolo di vetro, se non possedete un apri barattoli specifico, potreste fare nel seguente modo: prendete un cucchiaio molto robusto e giratelo dalla parte del manico. Infilzatelo sotto il coperchio e fate un po’ di leva.

Non adoperate assolutamente la lama di un coltello perché potrebbe risultare molto pericoloso per voi, per le vostre mani e anche per il vostro viso, considerato che, se il coltello è troppo fragile, potrebbe anche saltare la lama. Non adoperate nemmeno un cacciavite perché potrebbe rovinarsi. Un’altra alternativa potrebbe essere quella di battere con il palmo della mano alla base del barattolo. Potrebbe risultare utile.

Infine, un’altra soluzione molto pratica, potrebbe essere quella di battere con una certa forza il centro del coperchio del barattolo che non si vuole aprire, su uno spigolo del tavolo. in alternativa, prendete ancora il batticarne e mettetelo al contrario. Poggiate il manico al centro del tappo e date un colpo forte. Adesso dovrebbe aprirsi.

Casa

Come Preparare Focaccia allo Yogurt

La focaccia è una preparazione base semplice da fare in casa. Si può scegliere tra una vasta gamma di idee culinarie, tra le versioni sfiziose alla genovese, o quelle alte e saporite alla napoletana. Oppure una variante fresca e originale come quella che vi proponiamo oggi, la focaccia allo yogurt con la ricetta semplice. Ai fornelli.

Gli ingredienti
un vasetto di yogurt naturale
100 gr di zucchero
250 gr di farina bianca
2 uova
una bustina di lievito per focacce
due cucchiai di olio extra-vergine di oliva
sale

La preparazione
In una terrina mescolate la farina bianca setacciata con la bustina di lievito in polvere e con lo zucchero, un pizzico di sale e iniziate ad amalgamare gli ingredienti con una forchetta.

Sbattete al centro le uova e incorporate lentamente lo yogurt naturale, due cucchiai di olio extra-vergine di oliva e impastate bene con le mani fino a formare un panetto di impasto compatto e omogeneo. Lasciate riposare per trenta minuti nella terrina coperta.

Riprendete l’impasto, imburrate uno stampo da forno alto e rotondo e spianate l’impasto per tutta la superficie. Bucherellate con una forchetta e infornate in forno preriscaldato a 180 gradi, lasciate cuocere la foccaccia per circa 40 minuti. Farcite poi a piacere con pomodorini, rucola e mozzarella a crudo.

Casa

Come Preparare l’Erbazzone Emiliano

Oggi ripassiamo un classico che si trova in qualsiasi taverna e osteria emiliana, sia come spuntino da aperitivo sia come vero e proprio piatto unico. In casa a Bologna viene cucinato spesso e molto volentieri, perchè è una ricetta povera ma dietro cui si cela una torta salata saporita, nutriente e piena di verdure. Scopriamo come si prepara un buon erbazzone emiliano con la ricetta bolognese.

Gli ingredienti
1 confezione da 500 gr di pasta sfoglia congelata o fresca
200 gr di coste
100 gr di verze
100 gr di tarassaco
3 spicchi di aglio
100 gr di pancetta
olio extra vergine di oliva
Parmigiano reggiano a volontà
100 gr di punte di ortiche
sale
pepe

La preparazione
Le erbe da cucinare negli ingredienti sono indicative, se avete a disposizione altre varianti nell’orto, come le cicoriette, spinaci o il cavolo cappuccio vanno lo stesso benissimo.

Lessate tutte le erbette in abbondante acqua salata dopo averle lavate e pulite per bene. Lasciate lessare per circa venti minuti e poi scolate e lasciatele raffreddare.

Tritate poi verze, ortiche, tarassaco, coste, e così via su un tagliere insieme agli spicchi d’aglio. Prendete ora una padella ampia e antiaderente, mettete due cucchiai di olio evo e fatelo scaldare. Tagliate la pancetta a dadini piccoli e fatela soffriggere con l’aglio in padella, unite le erbette e mescolate. Salate e pepate. Fate rosolare solo per qualche minuto. Mantecate con il Parmigiano Reggiano a volontà e qualche fiocchetto di burro.

Prendete una teglia da forno e imburratela o stendete un foglio di carta forno, sopra allo strato di pasta sfoglia adagiate le erbette e la pancetta (scolate dall’olio) e ancora una spolverata di parmigiano. Ricoprite poi con un altro strato di pasta e infornate a 180 gradi per trenta minuti in forno preriscaldato.