Browse Category by Casa
Casa

Come Inamidare i Lavori all’Uncinetto

Avete dei centrini all’uncinetto a cui volete dare una forma ed un aspetto più rigido? Beh basta semplicemente inamidarli con metodi che si possono tranquillamente elaborare in casa, principalmente i metodi più utilizzati sono 3: con amido, con zucchero e con colla di pesce, ed ora vi spiegherò come fare in questi 3 modi.

Occorrente
Zucchero, colla di pesce alimentare, amido naturale

Se intendi inamidare i tuoi lavori all’uncinetto con lo zucchero bisogna usare 2 parti di zucchero e 5 di acqua. Devi fare bollire l’acqua in un pentolino e quindi introdurre lo zucchero mescolando finchè non ottieni una soluzione omogenea. Versaci quindi il tuo lavoro da inamidare, aspetta affinchè sia impregnato del composto quindi mettilo ad asciugare. Questo sistema è adatto per cappellini, scatoline e tutte le cose tridimensionali fatte all’uncinetto.

Puoi usare anche la colla di pesce alimentare che si trova nei supermercati. Fai scaldare l’acqua quindi versaci 1 foglio di colla di pesce e fallo sciogliere per bene, bada che per un centrino di media grandezza (circa 35 cm di diametro) servono 5 cl d’acqua ed un foglio di colla di pesce. Dopo averlo immerso e fatto impregnare lascialo asciugare bene.

Puoi infine usare il normale amido naturale che puoi acquistare nelle drogherie. Fai scaldare l’acqua e mettici a sciogliere l’amido, che sarà sicuramente a cubetti, versa poi il centrino e tiralo fuori per farlo sgocciolare, ma senza strizzarlo. Più amido metti, più il centrino sarà rigido, con 10 cl d’acqua circa si inamida un centrino di media grandezza. Usa questo metodo però solo su lavori bianchi.

Casa

Trucchi per Pulire Casa

Oggi voglio svelarvi alcuni semplici trucchi per risparmiare tempo e fatica nelle pulizie domestiche, specialmente per quelle che possono sembrare insormontabili quanto le dodici fatiche di Ercole.
Cominciamo dai termosifoni, che con l’arrivo del freddo sono sicuramente uno dei nostri punti di riferimento. Prendete un vecchio manico di scopa e legate con dello spago un vecchio calzino di spugna: usatelo per togliere la polvere che si accumula tra il calorifero e la parete. Poi pulite gli elementi del termosifone con una spugnetta imbevuta in acqua calda e detersivo neutro per piatti.

Passiamo alle tende, che oltre che abbellire casa servono anche a evitare dispersioni di calore all’esterno. Prima di metterle in lavatrice ecco un trucco su come pretrattarle. Mettete le tende banche nel cestello della lavatrice con un bicchiere di aceto e succo di due limoni, e aggiungete una presa di sale grosso. Lasciate la tenda in ammollo per almeno un’ora azionando la funzione risciacquo (acqua fredda) e interrompendola quando il cestello si riempie. Poi fate risciacquare le tende senza centrifuga, e lavate poi le tende con il ciclo che usate abitualmente. Per le tende colorate sostituite la miscela di aceto e limone con un bicchiere di aceto bianco e 3 cucchiai di sale grosso. In questa maniera eliminerete macchie di grasso, polvere e giallori, e ravviverete il bianco o il colore delle vostre tende.

Per quanto riguarda i tappeti, ecco un rimedio per macchie di cibi e bevande. Dopo avere delicatamente tolto i residui con una spazzola, mettete della carta assorbente o del cartone sotto alla macchia e versate un po’ d’acqua gassata sulla superficie sporca. Tamponate per favorire l’asciugatura, evitando di lasciare il tappeto al sole perché favorirebbe il proliferare delle tarme. In ogni caso non usate mai acqua calda: espanderebbe la macchia.

Le pareti. Non ci si pensa quasi mai, a meno che non si macchino vistosamente, ma anche le pareti di casa possono e devono essere pulite. E non sempre è necessario ritinteggiare. Se la tempera o la vernice è lavabile (idropittura), potete passare le pareti con una spugna imbevuta in una soluzione d’acqua e ammoniaca (un cucchiaio per un litro d’acqua). Se le vostre pareti non sono lavabili, allora utilizzate della gomma pane e spolverate poi la superficie per rimuovere ogni residuo. Con la gomma pane potete anche rimuovere lo sporco sulle causato dal calore dei termosifoni.

Se per decorare le vostre pareti avete invece scelto la carta da parati, ecco come farla tornare pulita e splendente. Per le macchie usate 30 ml di sgrassatore universale diluito in un po’ d’acqua e passate la soluzione con un panno ben strizzato. Per la pulizia normale, invece, usate è sufficiente uno straccio in pelle leggermente inumidito. In entrambi i casi ripassate subito dopo con un panno in microfibra come questi asciutto. Se accidentalmente la carta rimane bagnata, usate il getto d’aria fredda del phon per capelli.

Un ultimo consiglio riguarda il secchio della spazzatura. Ricordatevi di lavarlo una volta a settimana con della candeggina, asciugandolo per bene per evitare che rimanga umido. Per garantire maggior igiene mettete poi qualche cucchiaio di bicarbonato sul fondo del contenitore e uno all’interno del sacchetto.

Casa

Come Depilare le Sopracciglia

Avere delle sopracciglia ben disegnate e definite aiuta ed esaltare lo sguardo oltre a mascherare eventuali difetti presenti nel volto, focalizzando l’attenzione di chi ci guarda negli occhi. La forma perfetta delle sopracciglia è a ” ali di gabbiano”, vediamo come realizzarle in tre semplici passi.

La prima cosa da fare è disegnare il contorno e la forma delle sopracciglia segnando tre punti di riferimento con la matita nera da occhi. Il primo punto da dove devono iniziare le sopracciglia si individua tracciando una linea retta che passa dal bordo esterno del naso all’angolo interno degli occhi. Sempre partendo dal bordo esterno del naso ma questa volta andando all’angolo esterno degli occhi si individua invece il punto dove le sopracciglia devono finire.

Una volta individuati i punti si procederà a decidere quale forma vogliamo dare alle sopracciglia (disegnando, se necessario, dei tratti con la matita nera). Quindi, servendosi del pettinino da ciglia, si pettineranno i peli delle sopracciglia verso l’alto e con le forbicine o con un rasoio per sopracciglia si taglieranno lungo il bordo seguendo il profilo voluto.

A questo punto con la pinzetta da sopracciglia si strapperanno tutti i peletti superflui, per il verso del pelo, tenendo la pelle tesa per ridurre al minimo il dolore. La cosa importante è cercare di evitare il più possibile di depilare la parte superiore dell’arcata mentre vanno tolti i peletti dalla parte inferiore. Una volta raggiunto il risultato desiderato lenire e idratare la pelle con una buona crema.

Casa

Come Fare Passare il Tempo ai Bambini

Con la stagione fredda, non si può più andare al parco con i nostri bambini e le giornate diventano lunghe. Anche a te capita di non saper cosa fare con i bambini tutto il giorno in casa? Si possono inventare, trovare, escogitare tanti passatempi che faranno divertire i bambini e vedrai che il tempo volerà.

A volte, basta soffermarsi un pò e riflettere e anche in casa ci sono le opportunità per far divertire i bambini, facendo loro passare un pomeriggio di allegria.
Non ti occorrono giochi elaborati e costosi, ma solo poche, semplici cose.
Ora ti spiego il primo gioco che puoi proporre ai tuoi bambini.
Questo gioco è adatto per i bambini più piccini ma sono certa che si divertiranno anche i più grandi.

Ti serve uno spago bello lungo o anche una matassa di lana.
Ora fissa un’estremità dello spago ad un cassetto, nel quale avrai messo un premio come ricompensa del gioco.
Fatto questo inizia a girare per casa con la matassa dello spago.
Passa attraverso i mobili, vai nelle diverse stanze, passa sotto i letti…
Più giri farai, più sarà complicato venirne a capo.
Fatti tutti questi giri, consegna quest’ultima estremità al bambino.
Il bambino dovrà ripercorrere a ritroso tutta la strada finchè non sarà condotto al cassetto da cui è partito tutto e nel quale troverà il premio.
Questo gioco è divertentissimo e ti assicurò che il bimbo si divertirà un sacco a girare per casa seguendo lo spago.

Il secondo gioco invece è adatto per bambini più grandicelli.
Ti occorrono dei vecchi giornali dai quali ritaglierai i titoli.
Ora con queste parole, puoi giocare a scarabeo.
Vincerà chi riuscirà a formare una frase di senso compiuto, utlizzando le parole tagliate, nel minor tempo possibile!
A volte saltano fuori delle frasi davvero divertenti!

Il terzo gioco, infine, è un gioco che non ha età.
Eh, sì, perchè con i burattini ci si diverte sempre anche se si è grandi.
Per costruire dei burattini, ti occorrono dei vecchi calzini bianchi.
Ora prendi i pennarelli e inventa il tuo personaggio, disegnando occhi, bocca e altri particolari.
Se hai della lana in casa, la puoi utilizzare per creare i capelli, i baffi o qualsiasi cosa la fantasia ti suggerisca!
Quando il tuo meraviglioso burattino sarà pronto, non ti resta che “usarlo” e giocarci!

Casa

Come Confezionare una Fodera per il Materasso

Foderare il materasso è una semplice operazione che vi permetterà di conservarlo più a lungo e ripararlo da insetti e parassiti. La fodera è formata da un rettangolo di stoffa avente le dimensioni della parte superiore del materasso, a cui aggiungerete 2 cm in più per le cuciture.

Ecco come fare.

Occorrente
Stoffa
Ago e filo
Forbici
Cordoncino

Prepara la striscia che riveste il bordo tagliando 4 pezzi di stoffa, 2 corrispondenti alla lunghezza del materasso, più 4 cm per le cuciture d’angolo, e 2 corrispondenti alla larghezza del materasso, sempre con 4 cm in più. L’altezza sarà uguale a quella del materasso, aggiungendo i soliti 4 cm per le cuciture.

Se vuoi una fodera sagomata, le strisce dovranno essere bordate sotto il materasso. Prevedi 4 strisce in più aventi la stessa lunghezza delle 4 strisce che circondano il materasso e un’ altezza di 20 cm. Dovrai orlare queste 4 strisce su una lunghezza e sulle due altezze. Se invece vuoi una fodera a balze, calcola da due a tre volte la lunghezza della striscia che circonda il materasso, secondo lo spessore del tessuto. Per l’altezza, misura la distanza compresa tra il materasso e il pavimento.

Dopo aver imbastito, giunta la striscia che circonda il materasso e quella inferiore liscia, oppure la prima e la balza, inserendo, in tutti e due i casi, un cordoncino di rinforzo nella cucitura. Esegui un sopraggitto o cuci a macchina. Cuci quindi insieme poi la striscia e la parte superiore della fodera.