Browse Category by Fai da Te
Fai da Te

Come Costruire Staccionata in Miniatura

Nella guida di seguito, impareremo a costruire una simpatica staccionata in miniatura e proporre qualche idea per la sua applicazione, ecco quindi come procedere. Per prima cosa, per realizzare una staccionata e dargli un aspetto rustico, avremo bisogno di qualche legnetto.

I rametti non dovranno necessariamente essere dritti, anzi, più sono storti, più rustica viene la staccionata. Tagliate dai rametti alcuni bastoncini alti circa cinque centimetri. Per fare una staccionata di 25 centimetri di lunghezza bastano, per esempio, quattro o cinque bastoncini, posizionati a cinque o sei centimetri distanti l’uno dall’altro.

Prendete la prima coppia di bastoncini e incollate con la colla a caldo due rametti, uno in basso e l’altro in alto, quindi proseguite incollando anche tutti gli altri rametti. Non appena terminata, potete adoperare questa simpatica staccionata, sia per il vostro presepe, sia per un’altra festività. Ad esempio per la Pasqua!

Se amate realizzare le uova colorate, potete sistemarle su un semplice piattino, coperte completamente da paglietta e applicando, come recensione, quattro staccionate intorno. Meglio ancora se all’intero posizionate una simpatica gallinella. Ma non solo! Anche se non si tratta di giorni di festa, potete posizionare le staccionate su una sorta di giardinetto “da casa”, in cui posizionare le vostre piantine (vere) e abbellire il vaso con delle simpatiche staccionate.

Fai da Te

Come Costruire una Stazione Meteorologica

La meteorologia è la scienza che studia il tempo; la parola viene dal greco e vuol dire scienza delle precipitazioni. Una stazione meteorologica è un luogo dove si misurano le grandezze che servono per lo studio e la previsione del tempo. Ecco come costruirne una.

Occorrente
Termometro
Manometro
Bacinella
Bandierina
Colla
Chiodi
Igrometro

Per la misura della temperatura basta comperare un termometro. È importante che permetta di misurare le temperature minime e massime della propria regione; grosso modo, da 40 gradi sopra lo zero fino a 20 gradi sotto lo zero. Per la pressione acquistate un barometro che viene venduto nei negozi di ottica.

Per l’umidità acquistate un igrometro sempre presso un negozio di ottica. Conviene costruire da sé uno strumento per misurare la direzione e la velocità del vento. Si tratta di una banderuola con un indicatore di velocità; questa è misurata dal filo con la pallina da ping pong, che s’inclina tanto più, quanto più veloce è il vento.

Per conoscere la direzione in cui punta la banderuola basta una bussola; invece non è facile conoscere la velocità del vento a partire dalla posizione della pallina. Conviene perciò disegnare una scala con l’indicazione delle velocità nel modo seguente. Si porta lo strumento in macchina, in un giorno senza vento, e lo si tiene fuori dal finestrino.

Si osserva il tachimetro della vettura e la posizione della pallina, e si traccia la scala; 10, 20, 30, 50, 80 kilometri l’ora. In questo modo si è realizzato un anemometro, cioè un misuratore della velocità del vento. Il misuratore di pioggia è detto pluviometro, Si realizza con un imbuto di plastica e un cilindro graduato di plastica del tipo usato come dosatore in cucina. Per prima cosa, si misura l’area dell’imbuto, che è data dal raggio al quadrato moltiplicato per 3,14.

Se, per esempio, l’imbuto ha raggio cm 6, la sua area vale 6 x 6 x 3,14 = 200 cmq circa. Dopo un giorno di pioggia, si legge la quantità d’acqua presente nel cilindro, ad esempio 300 centimetri cubi. Si divide questa quantità per l’area dell’imbuto e si trova quanti centimetri d’acqua sono caduti. Con i numeri di prima, ad esempio, risulta 300:200 = 1,5. Quindi sono caduti 15 millimetri d’acqua per ogni centimetro quadrato di superficie.

Realizziamo la stazione… Tutti gli strumenti debbono trovarsi all’aperto ma riparati dalla pioggia e dagli animali. Perciò si dispongono in una piccola cassetta di legno, che può anche essere realizzata a partire da una scatola di legno per bottiglie di vino, La cassetta è montata su un paletto che la sostiene a circa un metro e mezzo d’altezza, fuori della portata dei bambini e degli animali.

Ogni giorno vengono letti temperatura, pressione, umidità, direzione e velocità del vento, pioggia caduta. Le letture vengono trascritte in un quaderno insieme al giorno, all’ora e alla descrizione del tempo: sereno, nuvoloso, variabile, piovoso, ecc. Col tempo, si scopre che alcune situazioni si ripetono.

Se in un giorno sereno cambia la direzione del vento, la temperatura si abbassa e la pressione scende, il giorno dopo piove. In questo modo è possibile fare delle previsioni del tempo che valgono per la zona della scuola, e che possono risultare più attendibili di quelle della televisione, che riguardano tutte le regioni d’Italia.

Fai da Te

Come Applicare Pannelli Oscuranti sui Vetri dell’Auto

Se vuoi oscurare i vetri della tua automobile con una pellicola scurente, puoi leggere questa guida dove ti spiegherò come applicare queste pellicole plastiche adesive che danno un grado di oscuramento che va da molto leggero a molto scuro. L’applicazione di queste pellicole va molto di moda ultimamente.

Occorrente
Pellicola adesiva
Spruzzino
Cutter
Raschietto
Phon
Detergente liquido

Prima di procedere nell’applicazione delle pellicole, importante e doverosa premessa, rispetta il Codice stradale che vieta l’utilizzo di queste pellicole sul parabrezza e sui vetri laterali anteriori. A questo punto, inizia con il pulire molto bene il vetro sia internamente che esternamente. Bagna il vetro, con uno spruzzino d’acqua, nella parte esterna e appoggiaci sopra la pellicola con la parte frontale non adesiva e, aiutandoti con il cutter, ritaglia con precisione la sagoma del vetro. Eventuali curvature devono essere sagomate a dovere e stese con il palmo della mano. Se incontri resistenze in questo passo, scalda la superficie della pellicola con il phon, questo ti agevolerà la rimozione di tutte le grinze della pellicola.

Eliminate tutte le grinze, puoi passare all’applicazione. Per scegliere il prodotto è possibile vedere questa guida sulle pellicole oscuranti su Manutenzioneauto.net. Pulisciti bene le mani per non lasciare tracce di sporco o unto sul vetro, posiziona la pellicola nel lato interno e, facendo molta attenzione, inizia a distaccare lentamente la pellicola di protezione del lato adesivo. Bagna con lo spruzzino (con acqua e una piccola parte di detergente liquido) la parte adesiva e la superficie del vetro da trattare. L’acqua presente sul vetro impedirà alla pellicola di aderire in maniera errata. Afferra la pellicola e inizia ad applicarla dall’alto, posizionando i due lembi superiori. Man mano che scendi, aiutandoti con una spatola o raschietto, elimina tutte le grinze e le bolle d’aria.

La spatola ti aiuterà anche a far uscire l’acqua presente sul vetro e a far aderire bene la superficie adesiva. Devi effettuare movimenti vigorosi partendo dal centro del vetro verso la parte esterna per far aderire la pellicola in modo omogeneo. Quando arrivi in fondo al margine dello sportello, solleva leggermente il bordo della guarnizione per inserire bene il contorno della pellicola.

Fai da Te

Come Costruire una Specchiera Verticale

Un oggetto molto utile, ma allo stesso tempo elegante, che non può mancare in casa è la specchiera lunga. A tal proposito, con questa guida potrai crearne una con le tue stesse mani alta circa 187 centimetri. Il procedimento non è difficile, quindi leggi i passi per metterti al lavoro ed iniziare la costruzione.

Occorrente
2 listelli in pino piallato da 500x65x30 mm (piedi)
24 da 1080x30x30 mm (gambe)
2 da 95x30x30 mm( distanziali superiori)
2 da 155x30x30 mm (distanziali inferiori)
3 da 308x30x30 mm (traverse del supporto e traversa superiore)
2 da 200x45x30 mm (angoli superiori)
1 foglio di multistrato da 1500×300 mm, spesso 20 mm (supporto specchio)
1 lastra specchio da 1480×280 mm, spessa 7 mm
2 ritagli di multistrato da 80×80 mm, spessi 20 mm (pomoli)
2 spezzoni di barra filettata 8M, lunghi 65 mm (gambo pomoli
2 grani d’acciaio 14M x20 (supporto pomoli)
4 rondelle da 8,2 mm di diametro interno
Viti da legno a testa svasata da 5×40 mm
4 spine da 8 mm di diametro colla a contatto e colla vinilica
Stucco da legno
500 g di cementite
2 bombolette spray di vernice alla nitro
Ritagli di gomma morbida
Matita e curvilinee
Sega a nastro
Carta abrasiva a grana media
Una morsa
Pietra al carborundum
Mazzuolo di gomma
Seghetto alternativo
Compasso
Trapano con supporto a colonna e punta per acciaio
Tagliavetro

Come prima operazione, dai listelli da cui vanno ricavati i piedi, elencati tra i materiali che servono per questo progetto, dotati in precedenza di un ribasso nella parte sottostante, dovrai tracciare le sagome della faccia superiore. A questo punto, quando avrai fatto, la sagoma a forma di S molto aperta, dovrai tagliarla con una sega a nastro, quindi dovrai passare a rifinirla con della carta abrasiva di grana media. Ora i due piedi dovrai collegarli con due distanziali, fissati sia con la colla vinilica, sia con una vite posta dall’esterno sulle teste.

Quando avrai portato a termine questa prima operazione, passa a tracciare, su due listelli lunghi duecento millimetri, due triangoli isosceli, la cui apertura al vertice sarà di circa sei gradi. La larghezza alla base deve essere di quattro centimetri e mezzo. A questo punto, taglia le parti eccedenti. Conviene che tu controlli che i due triangoli siano perfettamente uguali, in quanto ogni minima differenza verrebbe esaltata applicando ad essi le gambe.

Una volta che avrai eseguito anche quest’altra fase del progetto, e dopo aver spalmato di colla vinilica i lati dei triangoli, dovrai passare ad inserire tra le estremità delle gambe e metti tutto l’insieme in morsa per una giornata intera. A questo punto, puntando a ottanta millimetri di distanza dal vertice, con un’apertura di trentasei millimetri, traccia un arco di cerchio raccordato con il bordo esterno delle gambe,con il compasso, come puoi notare nella foto di questo passo.

Quando avrai fatto e quindi giunto a questo punto del lavoro, per fissare le gambe nell’angolazione determinata dal triangolo al vertice, piazza i due distanziali, da centocinquantacinque e novantacinque millimetri, nella posizione indicata. A questo punto, quando la colla si sarà indurita, dovrai procedere al taglio della curva con il seghetto alternativo.Quindi rifinisci con la carta abrasiva i bordi del lavoro.

Una volta che avrai fatto, sulla parte alta degli appoggi è assolutamente conveniente che tu applichi dello stucco da legno, in modo da pareggiare eventuali irregolarità. Carteggia quindi con cura la zona stuccata. Eseguita questa operazione, e dopo aver forato i piedi e le estremità delle gambe, dovrai passare ad inserire le spine con colla vinilica e assembla gli elementi, battendo con un mazzuolo di gomma e non di ferro.

Adesso, quando avrai completato anche questa fase del lavoro, dovrai passare ad inserire, tra le due coppie di gambe, l’ultimo distanziale. Quindi dovrai fermarlo con la colla vinilica e rinforzalo con due viti, in corrispondenza delle teste. Adesso continua tagliando il pannello multistrato da venti millimetri esattamente ai quattro angoli, per assumere la forma geometrica di un ottagono irregolare.

Finito questo lavoro, dovrai passare ai pomoli, che dovrai ricavare tracciando due cerchi e disegnando, all’interno di ciascuno di essi, un esagono. Le forme così ottenute dovrai tagliarle con la sega a nastro oppure con il segaccio. Una volta fatto, al centro dei pomoli dovrai praticare un foro del diametro di sette millimetri e profondo quindici millimetri. Avvitagli quindi le barrette filettate con la colla a contatto.

A questo punto, nel centro del grano d’acciaio devi eseguire un foro del diametro di sei millimetri e mezzo, che dovrai poi filettare 8M. Una volta fatto, con i tre maschi a mano da 8M, filetta il foro, in modo da potergli avvitare le barre di sostegno. Quando avrai eseguito questo lavoro, a metà lunghezza del pannello di multistrato fai due fori del diametro di tredici millimetri per inserire i grani.

A questo punto, quando dovrai eseguire questa operazione, se non hai la vite 8M, dovrai passare ad avvitare il grano inserendo la lama di un cacciavite nel foro filettato 8M, ma presta molta attenzione a non rovinare la filettatura. Adesso, utilizzando il tagliavetro incidi lo specchio ai quattro angoli e asporta altrettanti triangoli. Puoi capire come eseguire l’incisione osservando l’immagine di questo passo.

Adesso rifinisci i bordi con pietra carborundum. Ora applica una mano di cementite per otturare tutte le irregolarità del legno. Quindi carteggia con carta abrasiva media e pulisci con uno straccio. La finitura potrai farla con smalto normale, o con idropittura. Puoi usare anche una bomboletta spray, che ti garantirà una perfetta adesione sulle superfici. Ora assembla i componenti della specchiera inserendo la barretta filettata nei fori delle gambe e avvitandola nelle boccole incassate.

Fai da Te

Come Costruire una Scatola Portaoggetti per il Cane

In questa mia guida ti mostrerò come è facile realizzare una bellissima scatola per contenere tutte le cose che appartengono al tuo cane. Ti occorreranno davvero pochissime cose per crearla ma il risultato finale sarà spettacolare e sono sicura che anche il tuo cane lo gradirà, al mio è piaciuta tanto.

Occorrente
Una scatola di scarpe con coperchio
Nastro biadesivo
Forbici
Carta da regalo
Ritagli di giornale o figurine

Per cominciare prendi la carta da regalo che hai scelto per ricoprire la scatola e stendila sul tavolo. Poi adagia sopra di essa la scatola e con una matita fai dei piccoli puntini in ogni angolo per tenere sempre davanti le giuste misure. In seguito ritaglia la carta in eccesso.

Successivamente applica dei pezzetti di nastro biadesivo nella scatola e fai aderire bene all’interno di essa con le dita delle tue mani il foglio di carta). Dopo applica lo stesso procedimento con il coperchio (mi raccomando fai attenzione a non lasciare nemmeno un piccolo spazio bianco).

Infine non ti resta che decidere cosa applicare sulla scatola per renderla più bella. Io ad esempio ho utilizzato dei ritagli di figure di cuccioli di cani presi da un vecchio calendario, ma puoi benissimo decorarlo con qualsiasi cosa tu preferisca. Quindi applica queste immagini, con il nastro biadesivo, sulla scatola e scrivi il nome del tuo cane. Spero che ti sia tutto chiaro e che le mie immagini ti abbiano aiutato.