Browse Category by Guide
Guide

Come Capire se le Monete Sono False

Cerchiamo di riconoscere le monete false. Ecco qualche suggerimento.

I falsi nella storia sono sempre esistiti. Falsi gioielli, francobolli, monete, quadri ecc… A volte, dopo molti anni, un falso può valere un’enormità come è il caso di alcuni francobolli. A noi però importa poco sapere se tra 200 anni le nostre monete false varranno un mucchio di soldi. Per capire come riconoscere le monete da collezione è possibile fare riferimento al sito Valoremonete.net. Vediamo invece come riconoscere le monete in circolazione.

Per prima cosa controlla sempre la zigrinatura che c’è sul bordo delle monete. In quelle false spesso manca o è riprodotta malamente perché non è facile riprodurla in maniera perfetta.

Anche il colore delle monete è importante. Certo, può risultare difficile avere ben chiaro qual è il colore giusto ma se avete due monete da un euro di colore diverso, c’è qualcosa che non va.

Infine, le monete coniate dalla Zecca di Stato hanno il peso perfettamente distribuito e se le lanciate per aria, ricadranno su un tavolo appoggiandosi subito in maniera piatta sul tavolo stesso mentre quelle falsificate continuano a girare per un po’ su se stesse prima di trovare l’equilibrio piatto del tavolo. Questo è dovuto al fatto che il peso non è mai distribuito in maniera perfetta così che la moneta prima di adagiarsi si muove per qualche secondo.

Guide

Come Accordare la Chitarra con la Linea Telefonica

Hai dimenticato l’accordatore elettronico? Sei nel bel mezzo di una festa e ti accorgi che la tua chitarra è scordata? La soluzione spesso è a portata di mano! Grazie alla linea telefonica potrai evitare di fare una figuraccia, in questa guida ti spiegherò come.

Per accordare la chitarra hai bisogno di un suono noto grazie a cui ottenere tutti gli altri. Si tratta del “LA”. Non avendo a disposizione il diapason o un accordatore elettronico, recati in una stanza provvista di telefono e alza la cornetta. Sentirai il solito “tu tu…”, si tratta proprio del “LA”!

La quarta corda (D), puoi accordarla prendendo come riferimento proprio la corda che hai accordato prima (A): premendo quest’ultima al 5° tasto otterrai il “Re” della quarta corda. Anche in questo caso devi confrontare i due suoni e regolare la tensione della quarta corda in modo che produca il suono che stai ascoltando.
Ripeti adesso lo stesso procedimento per la corda immediatamente sotto (G).

Per ottenere il suono della seconda corda (B) invece devi prendere come riferimento il suono corrispondente al 4° (non 5° come prima) della corda precedente (G). Adesso restano i due “Mi”, ovvero la prima e la sesta corda.
Per ottenere il suono della prima corda (E) prendi come riferimento il suono corrispondente al 5° tasto della seconda corda, ed effettua le solite regolazioni di tensione sulla chiavetta.
L’ultima corda che ti resta di accordare è la sesta (E), quella più grave (l’altro “Mi”).
Per accordare la terza corda puoi usare il procedimento seguito in precedenza: puoi accordare la sesta corda (E) sapendo che il suo 5° tasto corrisponde alla quarta corda, al “LA”. Effettua quindi le dovute regolazioni finchè non sentirai il “LA” ed il gioco è fatto!

Guide

Cosa Mangiare Prima della Palestra

Erroneamente si crede che saltare la prima colazione per allenarsi produca effetti benefici soprattutto sul dimagrimento. In realtà prima di un allenamento bisogna fare una colazione, anche se molto leggera, per non incorrere in cali energetici durante lo sport, ricordiamoci che si viene dal digiuno notturno e le scorte di glicogeno nel sangue sono molto basse.

Per quel che riguarda la colazione un frutto, uno yogurt e una bevanda di sali minerali potrebbe costituire la colazione perfetta pre allenamento per non appesantirsi, magari aggiungendo qualche fetta biscottata integrale e riservando una colazione più sostanziosa al dopo allenamento, consumando ad esempio due fette di pane tostato con uovo alla coque.

Ma vediamo ora quali cibi devono essere evitati a colazione prima di allenarsi per non appesantire l’organismo e interferire con l’allenamento.

Alimenti ricchi di grassi e proteine vanno evitati perchè richiedono più tempo per essere digeriti, il sangue viene richiamato dalla digestione invece di convogliare verso i muscoli. Soprattutto se si svolge un allenamento cardio tipo ciclismo oppure ci si allena con il caldo, le proteine in eccesso possono innalzare il metabolismo basale affaticando l’organismo già duramente provato dal caldo.

Più si è vicini alll’allenamento minore deve essere la quantità di cibo ingerito puntando su cose semplici che vengono assimilate rapidamente dall’organismo, un frutto o una spremuta rappresentano la scelta ideale. Evitate le bevande zuccherate e cercate di far colazione almeno due ore prima dell’allenamento.

Guide

Insegnare il Risparmio ai Bambini

Bambini e risparmio. Risulta essere intorno ai tre anni che mediamente si comincia a chiedere una certa autonomia al bambino. Ed è appunto in quel periodo, privilegiando la forma del gioco, che al bambino vanno fatte conoscere le prime informazioni finalizzate ad un uso consapevole delle risorse: il cibo, l’acqua e perfino l’energia elettrica, sono cose abbastanza vicine alla sua esperienza.

Insegnare al bimbo che si lava i denti a interrompere il flusso dell’acqua, affiancare a questo momento il canto o la recita di una piccola filastrocca. Fare il gioco del ricordarsi di spegnere la luce quando si esce da una stanza, successivamente inventare con il bambino un piccolo racconto che parli di energia, che spieghi come arriva nelle nostre case.

Infine il cibo, apparentemente una questione semplice, che invece è alla base delle azioni riguardanti la sostenibilità: è fondamentale insegnare ai bambini, e ricordarlo durante tutto l’arco della crescita, a chiedere solo ciò di cui hanno bisogno.

Iniziare sempre con una porzione piccola e poi aggiungere in caso di bisogno è un dovere sotto più aspetti, produrre il cibo richiede l’utilizzo di altre risorse non sempre inesauribili. Anche con il cibo sono innumerevoli le attività che si possono fare, per riconoscere ed educare il senso della sazietà, utilizzare i cinque sensi per riconoscere sapori, odori, consistenza dei cibi e apprezzarli anche dal punto di vista estetico. Non meno importante, in tutte queste attività, è dare per primi l’esempio, perché i bambini imparano da ciò che raccontiamo loro ma, più di tutto, imparano con il gioco imitativo, quando durante i loro giochi mettono in essere i nostri insegnamenti.

Guide

Bambini e Computer – Consigli Utili

I bambini di oggi hanno accesso sempre più spesso al pc, ecco 10 regole per utilizzare il computer in sicurezza per non incorrere in inutili pericoli

L’uso sempre più diffuso del computer comporta di certo dei vantaggi, ma nasconde anche molte insidie per i nostri figli. Dai tentativi di carpire dati personali, a invio di file trojan, virus, sono molti i pericoli che si nascondono online, specie dentro le chat o i social network.

Ecco una lista con 10 regole per utilizzare il computer in modo sicuro con i bambini.

Fate usare sempre una password, raccomandando di tenerla segreta. Solo voi genitori dovete esserne a conoscenza.

Non dare mai informazioni personali , come il vero nome, il numero del cellulare dei bambini o dei genitori, l’indirizzo, il nome della scuola frequentata e simili. Dite loro di usare sempre un alis, un soprannome.

Dite ai bambini di fare attenzione a quello che mettono online, perché ne resta sempre traccia. Ricordate loro che se mandano qualche foto provocante ad amici, o fanno affermazioni compromettenti, gli amici stessi in futuro potrebbero usarle a loro vantaggio.

Raccomandate di non accettare MAI incontri di persona con sconosciuti. Anche se sembrano per persone più dolci e simpatiche della terra. Spiegate che a volte in rete ci sono degli adulti che si fingono bambini, e che devono stare attenti. Se proprio hanno desiderio di incontrare qualcuno, voi andrete con loro.

Dite loro di non mandare mai foto a persone che non conoscono. Se qualcuno insiste per averle, o con domande troppo personali, devono farvelo sapere.

Chiedete loro di riferirvi episodi di bullismo virtuale, o comunque attacchi on -line. Non devono rispondere a queste provocazioni, né darci troppo peso. L’importante è che informino un adulto e vadano off line se non si sentono a loro agio.

Proteggete sempre il vostro computer con antivirus, modificate spesso le password, non scaricate allegati sconosciuti e potenzialmente pericolosi.

Bloccate i contenuti non adatti ai bambini. Uno dei metodi migliori per proteggersi dai contenuti non adatti ai bambini è di bloccare tali contenuti con software appositi, come Windows Live Family Safety.

Impostate dei limiti per i download: giochi e musica gratuiti, barre degli strumenti animate e altri download possono esporre il tuo computer a spyware o ad altri software indesiderati. Insegnate loro a non scaricare software da fonti sconosciute su Internet o a chiedervi il permesso prima di scaricare qualunque cosa.

Controllate sempre il comportamento dei bambini collegati a internet, e se non siete presenti verificate la cronologia dei siti visitati da loro.

Molto interessante.