Fai da Te

Come Costruire una Specchiera Verticale

Un oggetto molto utile, ma allo stesso tempo elegante, che non può mancare in casa è la specchiera lunga. A tal proposito, con questa guida potrai crearne una con le tue stesse mani alta circa 187 centimetri. Il procedimento non è difficile, quindi leggi i passi per metterti al lavoro ed iniziare la costruzione.

Occorrente
2 listelli in pino piallato da 500x65x30 mm (piedi)
24 da 1080x30x30 mm (gambe)
2 da 95x30x30 mm( distanziali superiori)
2 da 155x30x30 mm (distanziali inferiori)
3 da 308x30x30 mm (traverse del supporto e traversa superiore)
2 da 200x45x30 mm (angoli superiori)
1 foglio di multistrato da 1500×300 mm, spesso 20 mm (supporto specchio)
1 lastra specchio da 1480×280 mm, spessa 7 mm
2 ritagli di multistrato da 80×80 mm, spessi 20 mm (pomoli)
2 spezzoni di barra filettata 8M, lunghi 65 mm (gambo pomoli
2 grani d’acciaio 14M x20 (supporto pomoli)
4 rondelle da 8,2 mm di diametro interno
Viti da legno a testa svasata da 5×40 mm
4 spine da 8 mm di diametro colla a contatto e colla vinilica
Stucco da legno
500 g di cementite
2 bombolette spray di vernice alla nitro
Ritagli di gomma morbida
Matita e curvilinee
Sega a nastro
Carta abrasiva a grana media
Una morsa
Pietra al carborundum
Mazzuolo di gomma
Seghetto alternativo
Compasso
Trapano con supporto a colonna e punta per acciaio
Tagliavetro

Come prima operazione, dai listelli da cui vanno ricavati i piedi, elencati tra i materiali che servono per questo progetto, dotati in precedenza di un ribasso nella parte sottostante, dovrai tracciare le sagome della faccia superiore. A questo punto, quando avrai fatto, la sagoma a forma di S molto aperta, dovrai tagliarla con una sega a nastro, quindi dovrai passare a rifinirla con della carta abrasiva di grana media. Ora i due piedi dovrai collegarli con due distanziali, fissati sia con la colla vinilica, sia con una vite posta dall’esterno sulle teste.

Quando avrai portato a termine questa prima operazione, passa a tracciare, su due listelli lunghi duecento millimetri, due triangoli isosceli, la cui apertura al vertice sarà di circa sei gradi. La larghezza alla base deve essere di quattro centimetri e mezzo. A questo punto, taglia le parti eccedenti. Conviene che tu controlli che i due triangoli siano perfettamente uguali, in quanto ogni minima differenza verrebbe esaltata applicando ad essi le gambe.

Una volta che avrai eseguito anche quest’altra fase del progetto, e dopo aver spalmato di colla vinilica i lati dei triangoli, dovrai passare ad inserire tra le estremità delle gambe e metti tutto l’insieme in morsa per una giornata intera. A questo punto, puntando a ottanta millimetri di distanza dal vertice, con un’apertura di trentasei millimetri, traccia un arco di cerchio raccordato con il bordo esterno delle gambe,con il compasso, come puoi notare nella foto di questo passo.

Quando avrai fatto e quindi giunto a questo punto del lavoro, per fissare le gambe nell’angolazione determinata dal triangolo al vertice, piazza i due distanziali, da centocinquantacinque e novantacinque millimetri, nella posizione indicata. A questo punto, quando la colla si sarà indurita, dovrai procedere al taglio della curva con il seghetto alternativo.Quindi rifinisci con la carta abrasiva i bordi del lavoro.

Una volta che avrai fatto, sulla parte alta degli appoggi è assolutamente conveniente che tu applichi dello stucco da legno, in modo da pareggiare eventuali irregolarità. Carteggia quindi con cura la zona stuccata. Eseguita questa operazione, e dopo aver forato i piedi e le estremità delle gambe, dovrai passare ad inserire le spine con colla vinilica e assembla gli elementi, battendo con un mazzuolo di gomma e non di ferro.

Adesso, quando avrai completato anche questa fase del lavoro, dovrai passare ad inserire, tra le due coppie di gambe, l’ultimo distanziale. Quindi dovrai fermarlo con la colla vinilica e rinforzalo con due viti, in corrispondenza delle teste. Adesso continua tagliando il pannello multistrato da venti millimetri esattamente ai quattro angoli, per assumere la forma geometrica di un ottagono irregolare.

Finito questo lavoro, dovrai passare ai pomoli, che dovrai ricavare tracciando due cerchi e disegnando, all’interno di ciascuno di essi, un esagono. Le forme così ottenute dovrai tagliarle con la sega a nastro oppure con il segaccio. Una volta fatto, al centro dei pomoli dovrai praticare un foro del diametro di sette millimetri e profondo quindici millimetri. Avvitagli quindi le barrette filettate con la colla a contatto.

A questo punto, nel centro del grano d’acciaio devi eseguire un foro del diametro di sei millimetri e mezzo, che dovrai poi filettare 8M. Una volta fatto, con i tre maschi a mano da 8M, filetta il foro, in modo da potergli avvitare le barre di sostegno. Quando avrai eseguito questo lavoro, a metà lunghezza del pannello di multistrato fai due fori del diametro di tredici millimetri per inserire i grani.

A questo punto, quando dovrai eseguire questa operazione, se non hai la vite 8M, dovrai passare ad avvitare il grano inserendo la lama di un cacciavite nel foro filettato 8M, ma presta molta attenzione a non rovinare la filettatura. Adesso, utilizzando il tagliavetro incidi lo specchio ai quattro angoli e asporta altrettanti triangoli. Puoi capire come eseguire l’incisione osservando l’immagine di questo passo.

Adesso rifinisci i bordi con pietra carborundum. Ora applica una mano di cementite per otturare tutte le irregolarità del legno. Quindi carteggia con carta abrasiva media e pulisci con uno straccio. La finitura potrai farla con smalto normale, o con idropittura. Puoi usare anche una bomboletta spray, che ti garantirà una perfetta adesione sulle superfici. Ora assembla i componenti della specchiera inserendo la barretta filettata nei fori delle gambe e avvitandola nelle boccole incassate.

Lascia un commento